05/05/2015 - 30/11/1999

Codici di rappresentazione. Due progetti fotografici sul territorio aquilano a sei anni dal sisma

Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

Roma

A distanza di sei anni dal terremoto del 6 aprile 2009 che ha colpito la provincia de L’Aquila, l’ICCD propone una riflessione sul disastroso evento attraverso la testimonianza fotografica di due autori che hanno documentato il territorio abruzzese: Giorgio Stockel, fotografo e architetto, già docente presso l’Università de L’Aquila, e Antonio Di Cecco, fotografo aquilano che ha fissato l’obiettivo sullo stato post sisma.

Le fotografie di Stockel (oltre 9.000 immagini, comprensive di documentazioni cartografiche e mappe storiche) testimoniano, con un accuratissimo e sistematico rilievo fotografico, il centro storico del capoluogo abruzzese e i territori limitrofi, in una puntuale ricognizione condotta tra il 1977 e i primi anni Ottanta e, poi, subito dopo il terremoto.

Le fotografie di Di Cecco, in parte pubblicate nel volume ’In Pieno Vuoto. Uno sguardo sul territorio aquilano' (Peliti, Roma 2013), nascono dal progetto di ricognizione avviato dall’autore all’indomani del sisma. Di Cecco conduce, con sguardo autoriale e con il disagio di chi in quei luoghi è nato e vissuto, un lento processo di attraversamento, dalla città dell’Aquila alla periferia con le nuove edificazioni, di territori conosciuti da sempre che il trauma del sisma ha reso repentinamente estranei.

Materiali informativi e approfondimenti

Altre mostre ed eventi

Calendario Mostre ed Eventi